Events

13.05.2020
CHI C’È C’È! Mittwochs in der WS
Film Festival della Lessinia | IGTV + FB

Sempre di mercoledì, sempre alle 18:00 e sempre sui canali instagram e fb di Weigh Station… (ormai una certezza) ma dal prossimo appuntamento di CHI C’È C’È ci sarà una novità! Lasciamo la musica per un po' e diamo spazio per qualche mercoledì ai festival e al cinema, supportando sempre chi ha dovuto o dovrà ripensare il proprio lavoro a causa dell’emergenza Covid-19.

Primo ospite, il 13 maggio, il Film Festival della Lessinia, l’unico concorso cinematografico internazionale esclusivamente dedicato a cortometraggi, documentari, lungometraggi e film di animazione sulla vita, la storia e le tradizioni in montagna, escludendo per regolamento le opere dedicate allo sport e all’alpinismo. L’obiettivo è quello di rappresentare, valorizzare e favorire la conoscenza di queste realtà sociali, linguistiche, umane attraverso il cinema e promuovere le attività e i prodotti dell’industria cinematografica internazionale. Nel 2019, per la venticinquesima edizione, il FFDL ha ottenuto la riconoscenza del Parlamento Europeo, con l’alto patrocinio conferito dallo stesso Parlamento per saper “illustrare la diversità delle tradizioni europee e accendere i riflettori sul processo di integrazione europea”.
Il 26. Film Festival della Lessinia si terrà a Bosco Chiesanuova (Vr) dal 21 al 30 agosto 2020 - emergenza codiv-19 permettendo.
Per Weigh Station il programmatore del festival Giovanni Benini propone in visione esclusiva (online solo per 48 ore) due corti dal catalogo del 25. Film Festival della Lessinia (2019):

Are you listening mother? Tuna Kaptan, 19’, Germania, Turchia – 2019, v.o., sottotitoli in inglese
Nel Kurdistan turco una donna è costretta agli arresti domiciliari con l’accusa di aver sostenuto le attività per l’indipendenza del popolo curdo. Non può oltrepassare il limite di quindici metri attorno alla sua casa e un braccialetto elettronico svela la sua posizione alla polizia. Are you listening mother? ci parla della Turchia contemporanea, dell’assurdità di leggi e persecuzioni, e della difficoltà della popolazione Curda ad affermare il proprio diritto all'esistenza, a una terra, a un’identità. E, con la crisi epidemiologica, il tema del controllo sociale diventa più che mai d’attualità anche nei paesi occidentali.
Trailer
Interview

Chienne de vie, Jules Carrin, 20’, Svizzera – 2018, v.o., sottotitoli in inglese
Nella desolata campagna francese, i due eterni adolescenti Yannick e Lamiche trascorrono le loro giornate tra noia, birre e continue bravate. La loro amicizia si consuma in un crescendo di frustrazione e violenza, che coinvolge via via i pochi abitanti del piccolo paese, scatenando reazioni altrettanto estreme. È il ritratto di una generazione dal destino incerto, e che diventa oggi, se possibile, ancor più precario: soffocati dalla dolorosa assenza di prospettive a pagare il prezzo più alto sono i rapporti umani. Il film ha ricevuto il premio come miglior cortometraggio al 25. Film Festival della Lessinia.
Trailer
Interview

Pronti per questo nuovo aperitivo? Thank God, it’s Wednesday!